## Ultimissime ##
Un attimo...
,

L'approssimazione fa male alle leggi biologiche

Vi sono alcune criticità che comunemente rendono difficoltoso l'approccio al paradigma delle leggi biologiche, sia per i curiosi sia per gli addetti ai lavori.
Siccome questo articolo è accessibile anche a chi non ha ancora conoscenza di questo mondo, provo ad accennare ad alcuni fra i diversi ostacoli possibili, come l'approssimazione e il "conflittismo", rimandando per eventuali chiarimenti al libro da cui è ricavato questo articolo.

La precisione
Le leggi biologiche sono leggi matematiche e per questo motivo sono molto precise.
Non può essere "forse", ma o è o non è.
Non può essere che su 100 bambini 99 hanno un papà e uno no: 100% dei bambini seguono la legge di natura del nascere da un papà e una mamma.

Così anche la precisione nella diagnostica è fondamentale.
Non essere precisi ha lo stesso effetto del fare un'operazione chirurgica in modo approssimativo: si fanno danni.
Si può finire con l'operare la gamba sbagliata, si può rischiare di fare un taglio abnorme e dissanguante che non si sa più come richiudere.
Questa è una prima regola deontologica che dovrebbe imporsi chi volesse adottare le 5 leggi nel proprio lavoro: scegliere e cercare la precisione.
La scelta di essere precisi o approssimativi si fa in ogni istante, ed è essenziale non solo per chi nel suo lavoro è di fronte a una persona che chiede aiuto o per chi fa divulgazione di massa, ma anche per chi cerca di fare una semplice verifica personale di queste conoscenze perchè, se non riescono a essere confermate da esperienza concreta, rimangono vuote teorie.
E le vuote teorie che non si fanno corpo non sono affatto irrilevanti, perchè costruiscono castelli ipnotici che influenzano concretamente la biologia.
La precisione va scelta continuamente e in questo ambito richiede metodo applicativo e presenza di sè.

Un ostacolo che rende faticosa la verifica e integrazione di questo paradigma è dunque l'approssimazione, a cui siamo anche culturalmente abituati.
Un'approssimazione che cerca di fare regole generali e protocolli (a cui anche siamo culturalmente abituati) allontanandosi dalla precisione di un organismo unico e irripetibile (vedi il proliferare di numerosi "elenchi telefonici dei conflitti" con rimedi e consigli generali annessi).
L'approssimazione è oggi padrona nella divulgazione delle leggi biologiche, a causa di una salutare e necessaria frenesia che le sta conducendo finalmente a una massa critica di conoscenza popolare.
Se ci aggiungiamo anche l'ingrediente della guerra tribale tra "Nuova Medicina" e "Vecchia Medicina", abbiamo il quadro della confusione servito.
Credo sia chiaro a molti come l'assalto alla diligenza per dimostrare che Hamer ha ragione sia oggi un approccio diffuso e altamente corrosivo, specialmente quando viene adottato in ambito terapeutico.

Sono passati 30 anni dalla scoperta di queste leggi di natura, ma siamo solo all'inizio e il bello deve ancora venire: conosciamo i limiti di oggi, sopravviveremo alla confusione!
Un altro ostacolo che frena l'accesso a questo mondo è l'equivoca indefinitezza della linea di confine che separa il territorio del conoscere da quello dei metodi terapeutici (il "conflittismo").


foto di Zsuzsa N.K.



Direzione editoriale

Mauro Sartorio Eleonora Meloni Paolo Sanna

contatti