## Ultimissime ##
Un attimo...

Sperimentazioni cliniche in Europa: vittoria! Con qualche 'però'

Ricordate la mail che abbiamo inviato il mese scorso al ministero della Salute a supporto della campagna di AllTrials?
Questo è il positivo epilogo della vicenda: dal 2014 i gruppi farmaceutici saranno costretti in Europa a pubblicare tutti i trials e i dati relativi in trasparenza.
Il 20 dicembre 2013 il Consiglio dell'Unione Europea ha approvato il testo del nuovo regolamento sui trial clinici che agli inizi del 2014 dovrà essere formalmente ratificato dal Parlamento Europeo.

In particolare il testo include:
 - l'attivazione e la gestione da parte dell'EMA (European Medicines Agency) di un database europeo accessibile pubblicamente, contenente: un registro di tutti i trial condotti nell'Unione Europea, un resoconto dei risultati dei trial reso disponibile al massimo entro un anno dal termine della sperimentazione, anche un resoconto comprensibile dai non addetti ai lavori il CSR (Clinical Study Report) di tutte le sperimentazioni presentato nella richiesta di autorizzazione per la messa in commercio, in caso di approvazione, rifiuto o ritiro
 - una dichiarazione che il Clinical Study Report non debba essere considerato, in generale, come una documentazione commercialmente confidenziale
 - l'imposizione di multe da parte degli Stati Membri dell'UE in tutti i casi di violazione delle disposizioni di trasparenza previste dal nuovi regolamento
 - qualsiasi trial deve essere registrato o pubblicato per essere usato a sostegno di una nuova richiesta di autorizzazione di una sperimentazione clinica (questo punto indurrebbe la pubblicazione o la registrazione dei vecchi trial)
 - il Clinical Trial Master File deve essere conservato per almeno 25 anni

 Il dottor Ben Goldacre, uno dei principali promotori della campagna Alltrials ha commentato: "Questa è una fantastica notizia e tutti i pazienti dovrebbero essere grati ai parlamentari europei per il lavoro svolto. Tuttavia bisogna tener presente che il regolamento riguarda solamente i nuovi trial a partire dal 2014. La maggior parte dei farmaci prescritti oggi sono stati autorizzati 5, 10 o 20 anni fa. 
Questa nuova legge non fa nulla per migliorare l'evidenza scientifica disponibile per questi trattamenti. Siamo ancora nella condizione che non possiamo ottenere tutti i risultati di tutti i trials riguardanti i comuni trattamenti in uso quotidianamente, come gli antidepressivi, le statine, i farmaci contro l'ipertensione e molti altri ancora. Questi sono farmaci che i medici stanno usando adesso e lo faranno almene per un'altra generazione. Da notare che il nuovo regolamento non farebbe nulla per assicurare a medici e ricercatori di accedere a tutti i risultati dei trial clinici del controverso antivirale Tamiflu. 
 È inaccettabile che i trial clinici effettuati negli ultimi 20 anni non siano ancora accessibili a medici, ricercatori e pazienti nonostante alcune grosse aziende farmaceutiche abbiano pubblicamente dichiarato l'impegno per una maggiore trasparenza. Abbiamo bisogno dei risultati di tutti i trial, per tutti gli usi, dei trattamenti che vengono prescritti attualmente. Senza questo non è possibile praticare una medicina il più possibile efficace e sicura."

http://alltrialsitalia.blogspot.it/2013/12/in-europa-accordo-raggiunto-sul-nuovo.html



Direzione editoriale

Mauro Sartorio Eleonora Meloni Paolo Sanna

contatti