## Ultimissime ##
Un attimo...
, , , , ,

Cause dell'epatite e sintomi

Premessa: l'eziologia delle cosiddette malattie (cioè la causa delle reazioni di fisiologia speciale dell'organismo) è l'argomento che a un primo approccio richiama maggiormente l'attenzione sulle 5LB.
Oltre alla comprensione delle cause, però, è fondamentale imparare ad avere dimestichezza con la funzione dei tessuti coinvolti e la posizione dell'organismo all'interno del processo.
Questo modo di procedere adotta il grado di dettaglio acquisito dalla Formazione Professionale 5LB, che in sè non cerca di dimostrare qualcosa (non in questo contesto) ma fornisce strumenti precisi per permettere a chiunque di verificare questi fenomeni di persona.
Per i principianti sarà necessario leggere almeno le 5 Leggi Biologiche.


L'epatite (A, B o C e qualsiasi variante) è il nome associato a un reperto clinico che individua anticorpi specifici per un dato virus, spesso in condizioni di totale asintomaticità.
Se per un attimo mettiamo da parte i marcatori degli esami ematici e ci focalizziamo sui sintomi concreti, quella che è generalmente intesa come "infiammazione del fegato" è un processo di fisiologia speciale dei dotti biliari che, per manifestare sintomi notevoli, deve necessariamente avere ripetuto recidive per un lungo periodo.

Stiamo parlando, quindi, di una di quelle curve bifasiche che chiamiamo "umane", in cui i tessuti trascinano il processo non riuscendo a ripristinarsi completamente.

Iniziamo a osservare cosa avviene nella curva bifasica teorica e monociclica, cioè senza recidive: in Fase Attiva l'epitelio dei dotti biliari (origine ectodermica) ulcera, permettendo una certa espansione della portata dei dotti stessi e permettendo un maggiore afflusso di bile.
In questa fase non si avvertono sintomi.

Nel momento della ConflittoLisi, l'epitelio inizia a riparare le ulcere, vengono richiamati i liquidi e il tessuto si gonfia con edemi.
Il gonfiore riduce il lume del dotto e ostacola l'afflusso dei succhi.
Un'indicazione sintomatica della fase PCL-A sono le feci chiare e giallognole, leggere e che galleggiano: questo aspetto è dovuto alla scarsità di bile che le rende ricche di gas (di fermentazione) e di grassi.
Nel caso di una intensa soluzione e, soprattutto, in concomitanza con il conflitto del profugo (la fisiologia speciale a carico dei reni), il dotto può temporaneamente occludersi e provocare stasi biliare
Quando c'è stasi, in PCL-A può manifestarsi l'ittero, cioè il colore della pelle giallo paglierino (anche i valori del sangue saranno alterati).
La CE può passare inosservata o dare fitte acute e dolorose per alcuni secondi (coliche). 
In PCL-B i dotti tendono verso la normalizzazione, le ulcere si cicatrizzano, le feci diventano scure, pesanti e appiccicose per il ritorno abbondante della bile, la pelle diventa di un giallo più intenso, ocra.

La percezione biologica che attiva i dotti biliari in un destrimane è precisamente "dover sottostare a una situazione in cui mi è stato tolto ingiustamente qualcosa di mio", genericamente detto in termini emotivi "rancore nel territorio".

Da immaginare il gattino che sta compresso a qualche centimetro dalla sua ciotola mentre il gatto più grosso (o, più facile, il fratellino!) gli fa fuori tutta la pappa.
La donna mancina risponde con i dotti biliari a causa di una sfumatura percettiva diversa, cioè una sottrazione di identità: "non so qual è il mio ruolo", "sono o non sono la sua donna".

Facendo gli esami del sangue in un periodo di PCL sospesa, verranno rilevati i residui di questo processo, con valori anche molto alterati.
Per quanto riguarda l'attività dei virus (sempre che il loro ruolo sia appurato), essi proliferano a partire dalla PCL-A durante la cicatrizzazione dell'epitelio dei dotti biliari. 
E la contagiosità? 
Nel modello delle 5 Leggi Biologiche il senso della presenza di qualsiasi microbo viene capovolto (consulta la 4° Legge): se il cervello non ha già attivato un programma di fisiologia speciale, il microbo non ha terreno e nessun motivo per essere coinvolto (e il suo lavoro sarebbe comunque sensato e utile alla riparazione dei tessuti).

Quando una persona resta immersa in uno stato di rancore di lungo periodo, all'interno di una gabbia percettiva di cui non si rende più conto, il suo organismo può giungere a sintomi sempre più debilitanti e conclamati con il nome di epatiti, cirrosi (grande accumulazione di cicatrici) e carcinomi.
Le cosiddette "curve umane" rappresentano in un grafico quelle situazioni che si trascinano, quando l'organismo non riesce a portare a termine il programma biologico a causa di un perpetuato senso di "ingiustizia per qualcosa che mi viene tolto".




Per applicare queste conoscenze nel concreto è categorica la precisione, così è importante non farsi autodiagnosi e non modificare alcun trattamento medico ma, nei limiti di queste informazioni che non pretendono di essere complete, osservare i processi così come sono con soli fini didattici.
Le 5 Leggi Biologiche non sono una terapia ma una precisa mappa di lettura che può essere consultata in qualsiasi ambito disciplinare: per la pluralità delle variabili è impossibile, oltre che irrispettoso per la persona coinvolta, fare online analisi di casi personali, anche in presenza del miglior medico o esperto nel campo. Puoi comprendere il perchè seguendo il nostro percorso protetto.
Per un dettagliato approfondimento della eziologia 5LB è consigliato lo studio del libro Noi Siamo Il Nostro Corpo (di cui questo testo è un estratto) 


Per imparare nel dettaglio come verificare quotidianamente la fisiologia speciale del fegato, 5LB Magazine ha progettato un corso online specifico sull'apparato digerente nella piattaforma 5LB DEX.

LA FISIOLOGIA SPECIALE DELL'APPARATO DIGERENTE

foto di Mary-Katherine Ream sotto licenza CC



Hai il desiderio di aiutare qualcuno in difficoltà con la propria salute?
Sei un incontenibile entusiasta delle 5 Leggi Biologiche?
Abbiamo creato degli strumenti formativi d'eccezione che potranno esserti molto utili, clicca qui.
Se invece hai bisogno di un aiuto rapido e professionale, chiedi ora un incontro individuale.

Direzione

Mauro Sartorio Eleonora Meloni Paolo Sanna

contatti