## Ultimissime ##
Un attimo...
,

Le false statistiche di Covid19 non sono un errore ma una deliberata menzogna: dott. Mike Yeadon

[Preferisci ascoltare piuttosto che leggere? Ascolta il video-podcast (durata 15 minuti) e iscriviti al canale YouTube]




A inizio di settembre, con un articolo di 5LB Magazine ho portato alla luce un dibattito che dovrebbe essere esposto sulle prime pagine di qualsiasi quotidiano e appuntato nell'agenda dei parlamenti di qualsiasi nazione.

Ogni cittadino dovrebbe sapere che il famoso test tampone - con il quale si stanno torturando i bambini appena rientrati a scuola, grazie al quale il diritto all'educazione è ampiamente ostacolato, e sui cui risultati, politici e responsabili tecnici decidono le sorti di milioni di cittadini, anzi di miliardi - è un test abusato e mal applicato, tanto che il 90% dei positivi sarebbe in realtà negativo!

Il 90% di quei grafici che vi sbattono in faccia tutti i giorni non dovrebbe stare in quei grafici.
La magnitudine di Covid-19 è il 10% di quello che si racconta.
Se ne parla apertamente solo da un paio di mesi, ma ora che la questione è emersa... dicevo in quell'articolo di inizio settembre:

Sono numeri falsi, gonfiati, che ogni giorno soffiano sul terrore e hanno già incrinato la nostra società.
Ditemi che sbaglio, ma questa per me è una frode.
Come quelle a cui abbiamo già assistito negli anni scorsi e che hanno coinvolto direttamente l'OMS, ma questa volta di proporzioni mai viste.
E se invece è stata solo "una svista", allora sarà un crimine che andrà punito nel momento in cui si dovesse perseverare a ignorare il clamoroso errore.

  

Quindi ad oggi stiamo perseverando, siamo abbondantemente nell'evidenza di una intenzione volontaria ad ignorare i fatti.
Già da marzo/aprile sospettavamo che ci fosse una agenda nascosta, perchè la distanza tra le evidenze scientifiche e le decisioni politiche rigonfie di propaganda era abissale e non altrimenti spiegabile.
Non poteva, e oggi a maggior ragione non può, essere ignoranza

Michael Yeadon Covid19

Lo scorso 20 settembre è intervenuto sulla questione il dott. Michael Yeadon, ex CSO e responsabile della ricerca sulle allergie e le vie respiratorie nella multinazionale Pfizer. 
Sostiene esattamente ciò che vi ho appena detto, e con lo stesso tono incredulo e indignato.
Vi traduco il suo lungo post, che si commenta da solo.
I paragrafi e le parti in neretto possono aiutarti a seguire i temi fondamentali.


Bugie, dannate bugie e statistiche sulla salute: il pericolo mortale dei falsi positivi

Non mi sarei mai aspettato di scrivere qualcosa del genere. 
Sono una persona comune, da poco semi-pensionato da una carriera nell'industria farmaceutica e biotecnologica, dove ho trascorso oltre 30 anni cercando di risolvere problemi nella comprensione delle malattie e cercando nuove cure per disturbi allergici e infiammatori dei polmoni e della pelle. 
Sono sempre stato interessato alla risoluzione dei problemi, quindi qualsiasi cosa riguardi la biologia attira la mia attenzione. 
È giunto il 2020, è arrivato SARS-CoV-2. 
Ho scritto sulla pandemia il più oggettivamente possibile. 
Il metodo scientifico non abbandona mai una persona che si è formata e ha lavorato come scienziato professionista. Per favore, leggi quell'articolo [che ho scritto]. 
I miei coautori ed io lo sottoporremo ai normali rigori del peer review, ma questo processo è lento e molti nuovi articoli scientifici quest'anno sono stati portati all'attenzione attraverso i server di pre-stampa e altre pubblicazioni meno convenzionali.

[RIMETTIAMO IN PROSPETTIVA LA MORTALITÀ]

Pur prestando molta attenzione ai dati, inizialmente ci siamo tutti concentrati sulla triste questione delle morti. 
Ho trovato straordinario che, discutendo dei decessi correlati al COVID-19, la maggior parte delle persone con cui ho parlato non avesse alcuna idea dei grandi numeri. 
Alla domanda su quante persone muoiono in un anno nel Regno Unito nel corso ordinario degli eventi, ognuna nella sua tragedia personale, di solito nessuno sa rispondere. 
Sono poi io a informarli che sono circa 620.000, a volte meno se abbiamo avuto un inverno mite, a volte un po' più alto se abbiamo avuto una stagione influenzale grave. 
Cito questo numero perché sappiamo che circa 42.000 persone sono morte con o di COVID-19. Sebbene sia un numero enorme di persone, è "solo" lo 0,06% della popolazione del Regno Unito. 
Non è una coincidenza che questa sia circa la stessa proporzione di morti con o di COVID-19 in ciascuno dei paesi europei gravemente infetti, come ad esempio la Svezia. 
La mortalità annuale per tutte le cause di 620.000 si traduce in 1.700 al giorno, più bassa in estate e più alta in inverno. 
Questo è sempre stato il destino degli esseri umani nelle zone temperate. 
Quindi, per tornare al contesto, 42.000 equivalgono a circa 24 giorni di mortalità normale. 
Per favore, non sto minimizzando le cose, sto solo cercando di metterle in prospettiva. 
Mortalità di questa entità non sono rare e possono verificarsi nelle stagioni influenzali più gravi. 
I vaccini antinfluenzali aiutano un po', ma solo in tre occasioni nell'ultimo decennio la vaccinazione ha raggiunto un'efficacia del 50%. Sono una buona cosa, ma non sono mai stati proiettili magici contro i virus respiratori. 

Invece, abbiamo imparato a convivere con tali virus, che vanno da numerosi raffreddori comuni fino alle polmoniti, che possono uccidere. 
Le medicine e le cure fanno del loro meglio. 

[IL PCR "TAMPONE" È UN TEST INADATTO]

Quindi, torniamo a questo articolo. Riguarda i test che facciamo con questa cosa chiamata PCR, una tecnica di amplificazione, meglio conosciuta dai biologi come strumento di ricerca utilizzato nei nostri laboratori per provare a svelare i meccanismi delle malattie. 
Sono rimasto francamente sbalordito nel rendermi conto che talvolta vengono utilizzati nello screening della popolazione, perché è una tecnica molto impegnativa, soggetta a errori che non si vedono ed è un compito piuttosto arduo ricavarne informazioni affidabili, soprattutto a causa della necessità di prodigiose amplificazioni per tentare di raccogliere un filamento di codice genetico virale. 
Il test non è in grado di distinguere un breve filamento di RNA che sia da un virus integro o da residui di un virus che si è rotto in pezzi settimane o mesi fa.

Credo di aver identificato un difetto grave, davvero fatale, nel test PCR utilizzato in quello che dal governo britannico viene chiamato la strategia del secondo pilastro, ovvero testare molte persone nelle loro comunità. 
Lo affronterò con cura e in dettaglio perché sono uno scienziato e non mi piace dove mi sta portando questa indagine. 
Non sono particolarmente appassionato di politica e la mia preferenza è per un'amministrazione competente e onesta rispetto alle decisioni politiche che vengono prese. 
Siamo nel Regno Unito un gruppo che ragiona e non siamo molto inclini agli estremi. 

Ciò per cui sono particolarmente riluttante è che, stando alle evidenze scientifiche, non ho altra scelta che dimostrare che il segretario alla sanità, Matt Hancock, ha fuorviato la Camera dei Comuni e ha anche rilasciato dichiarazioni fuorvianti in un'intervista radiofonica. 
Queste sono accuse gravi. Lo so. 
Non sono una persona crudele. Ma devo scriverlo comunque.

[IL LOCKDOWN NON HA AVUTO ALCUN EFFETTO SUL VIRUS]

Torniamo alla questione e poi alle prove. 
Quando la prima (e penso, l'unica) ondata di COVID-19 ha colpito il Regno Unito, ero insieme a quasi tutti gli altri molto spaventato. 
Ho 60 anni e ho una buona salute, ma quando ho saputo che avevo circa l'1% di rischio in più di morire se avessi contratto il virus, ho capito che non ero pronto ad andarmene. 
Quindi non fui né sorpreso né arrabbiato quando è arrivato il primo lockdown. 
Deve essere stata una cosa molto difficile da decidere
Tuttavia, prima della fine del primo periodo di tre settimane, avevo iniziato a sviluppare una comprensione di ciò che stava accadendo. 
Il tasso di infezione, che è stato calcolato abbia infettato ben oltre 100.000 nuove persone ogni giorno intorno al picco, ha iniziato a diminuire e stava diminuendo prima del lockdown. 
L'infezione ha continuato a diffondersi ad un ritmo sempre più lento e lo abbiamo visto nel punto di svolta delle morti quotidiane, in quelle cupe conferenze stampa di ogni pomeriggio. 

Ora sappiamo che il lockdown non ha fatto alcuna differenza per la diffusione del virus. 
Possiamo dirlo perché l'intervallo tra il rilevamento del virus e, in coloro che non ce l'hanno fatta, la loro morte è più lungo dell'intervallo tra il lockdown e il picco di morti giornaliere. 
Non c'è polemica su questo fatto, facilmente dimostrato, ma so che ad alcune persone piace fingere che sia stato il lockdown a fermare la pandemia, forse per giustificare il prezzo straordinario che tutti abbiamo pagato per attuarlo
Quel prezzo non era solo economico. Comprendeva morti evitabili per malattie diverse dal COVID-19, poiché i servizi medici erano limitati al fine di concentrarsi sul virus. 
Alcuni dicono che il lockdown, direttamente e indirettamente, ha ucciso tanti quanti ne ha uccisi il ​​virus. Non lo so. Non è qualcosa che ho cercato di capire. 
Ma lo dico perché qualsiasi intervento nelle nostre vite non dovrebbe essere preso alla leggera. 
Non si tratta solo di un inconveniente, ma di una vera sofferenza, della perdita dei mezzi di sussistenza, delle amicizie, punti di riferimento di enorme importanza per tutti noi, che vengono distrutti da tali decisioni. 
Dobbiamo essere certi che i benefici valgano il costo che paghiamo.
Anche se non è sicuro che lo fossero neanche per il primo lockdown, io l'ho sostenuto, perché non sapevamo cosa avremmo dovuto affrontare e, in effetti, quasi tutti gli altri lo hanno fatto, tranne la Svezia. 
Ora sono decisamente contrario a ulteriori interventi in quello che, sono convinto, è un tentativo infruttuoso di "controllare il virus". 
È mia opinione - condivisa da altri, alcuni dei quali sono in una buona posizione per valutare la situazione - che siamo più vicini alla fine della pandemia (in termini di morti) che nella sua metà. 
Credo che dovremmo fornire la migliore protezione possibile a tutte le persone vulnerabili, e andare avanti con cautela con le nostre vite. 
Penso che diventeremo tutti un po' più svedesi nel tempo.

[LA STRATEGIA DEL TERRORE MEDIATICA]

Nelle ultime settimane, però, non può essere sfuggito all'attenzione di nessuno che ci sia in tutto il mondo un preludio a tamburo battente a restrizioni ancora più infruttuose e dannose. 
Ripensa a metà estate. Eravamo appena usciti dal lockdown e, nonostante le spiagge affollate, le grandi manifestazioni, l'apertura di negozi e pub, la notizia importante in relazione al COVID-19 era il rassicurante e inarrestabile calo delle morti quotidiane. 
Ho notato che, rispetto alla pendenza grafica del calo in molti paesi vicini, la nostra pendenza era troppo piatta. L'ho anche accennato ad amici scienziati che hanno dedotto la presenza di un segnale fisso di dati che sarebbero stati mescolati con la vera morte di COVID-19. 
Immagina quanto è stato gratificante quando la definizione di morte per COVID-19 è stata modificata per allinearsi a quella di altri paesi, e in un batter d'occhio la nostra linea dei morti si è allineata a quelle delle altre nazioni. 
Ero sicuro che sarebbe successo: quello che abbiamo vissuto e a cui abbiamo assistito è un tipo di equilibrio terribile. Un virus che uccide pochi e lascia i sopravvissuti quasi certamente immuni - un virus a cui forse il 30-50% era già immune, perché il virus ha dei parenti e alcuni di noi li avevano già incontrati - spiega tutto questo terribile ma anche affascinante processo biologico. 
C'è un pezzo molto interessante nel BMJ dei giorni scorsi, che offre un potenziale supporto a questa lettura.

Ora che abbiamo appreso alcune delle caratteristiche insolite del nuovo virus, migliori trattamenti (steroidi antinfiammatori, anticoagulanti e in particolare maschere di ossigeno invece che ventilatori) il tasso di mortalità anche per i casi più gravi è molto più basso rispetto a sei mesi fa.

Poiché non esiste una letteratura di base, medica o scientifica che ci indichi di doverci aspettare una "seconda ondata'', ho iniziato a prestare maggiore attenzione a quello che ne viene detto in TV, nelle radio e sulla carta stampata, e "seconda ondata" è stato ripetuto senza sosta da allora
Sono stato intervistato di recente da Julia Hartley-Brewer nel suo programma radio e in quell'occasione ho invitato il governo a rivelarci le prove su cui si basavano per prevedere questa seconda ondata. È sicuro che abbiano qualche prova? Io non credo. 
Ho cercato, e sono molto qualificato per farlo, confrontandomi con amici accademici, e siamo rimasti tutti sorpresi di scoprire che non c'è proprio niente. 
Gli ultimi due nuovi coronavirus, Sars (2003) e MERS (2012), hanno prodotto una sola onda. 
Anche le "ondate" influenzali della prima guerra mondiale erano quasi certamente una serie di singole onde che coinvolgevano più di un virus. 
Credo che ogni discorso sulla seconda ondata sia pura speculazione. O forse è in un modello matematico da qualche parte, scollegato dal mondo delle evidenze che mi si nasconde? 
Sarebbe ragionevole aspettarsi qualche limitata "recrudescenza", dato che non ci mescoliamo come un Cordiale in un bicchiere d'acqua, ma in un modo più umano e granuloso.

Un lungo periodo di restrizioni imposte, oltre a quelle della nostra vita ordinaria, ha impedito che l'ultima percentuale di virus si mescolasse con la popolazione. 
Con gli spostamenti delle vacanze, l'inizio del lavoro, le visite a parenti lontani, l'inizio di università e scuole, è in atto il mescolamento finale. 
Non dovrebbe essere un processo terrificante. Succede con ogni nuovo virus, influenza inclusa. 
È solo che nella nostra storia non l'abbiamo mai inseguito per i prati con una tecnica più adatta al laboratorio di biologia che al parcheggio di un supermercato.

Una premessa lunghissima, ma necessaria. 
Parte della strategia del terrore, che è un po' troppo ovvia, nel giustificare seconde ondate, è stata il conteggio quotidiano dei "casi"
È importante capire che, secondo gli specialisti in malattie infettive con cui ho parlato, la parola "caso" deve significare più della semplice presenza di qualche organismo estraneo. 
Deve presentare segni (cose che i medici notano) e sintomi (cose che nota il paziente). 
E nella maggior parte dei cosiddetti casi, quelli risultati positivi non avevano alcun segno o sintomo di malattia. 
Si parlava molto di diffusione asintomatica e come biologo questo mi ha sorpreso. 
In quasi tutti i casi, una persona è sintomatica perché ha un'elevata carica virale che sta attaccando il suo corpo e il suo sistema immunitario lo sta combattendo. Non dubito che ci siano stati casi di trasmissione asintomatica, ma sono sicuro non sia stata importante.

[L'ABUSO DEL TEST PCR CHE PRODUCE IL 90% DI FALSI POSITIVI]

Detto questo, il governo ha deciso di chiamare una persona un "caso" se il suo campione di tampone è positivo per l'RNA virale, che è ciò che viene misurato nella PCR. 
Il campione di una persona può essere positivo se ha il virus, e così dovrebbe. 
Ma possono anche essere positivi se hanno avuto il virus alcune settimane o mesi fa e si sono ripresi. 
È anche possibile che carichi elevati di coronavirus simili ma diversi, che possono causare alcuni dei comuni raffreddori, possano anche reagire nel test PCR, anche se non mi è chiaro se ciò accade.

Ma una persona può risultare positiva a causa di una particolare impostazione del test, e questo è un processo casuale. 
Ciò può avere molteplici cause, come la non perfetta tecnica di amplificazione e l'amplificazione delle sequenze "esca", inserite nel campione con l'obiettivo di sposarsi con l'RNA virale SARS-CoV-2. 
Ci saranno molti altri motivi per tali positivi. 
Questi sono i cosiddetti "falsi positivi".

Pensa a qualsiasi test diagnostico che un medico potrebbe usare su di te. 
Il test diagnostico ideale conferma correttamente tutti coloro che hanno la malattia e non indica mai erroneamente che persone sane hanno la malattia. 
Beh, un tale test non esiste. Tutti i test hanno un certo grado di debolezza nel generare falsi positivi. L'importante è sapere quanto spesso accade, e questo è chiamato tasso di falsi positivi. 
Se 1 campione libero da malattia su 100 risulta erroneamente positivo, cioè la malattia non è presente, si dice che il tasso di falsi positivi è dell'1%. 
Il tasso di falsi positivi effettivo o operativo varia, a volte in modo sostanziale, a seconda delle impostazioni, degli operatori tecnici, dei metodi di rilevamento e delle apparecchiature. 

Mi sto concentrando esclusivamente sul tasso di falsi positivi nel secondo pilastro, perché la maggior parte delle persone non ha il virus (recentemente circa 1 persona su 1000 e all'inizio dell'estate era circa 1 su 2000 persone). 
È quando la quantità di malattia, la sua cosiddetta prevalenza, è bassa che qualsiasi quantità di un tasso di falsi positivi può essere un problema importante. 
Questo problema può essere così grave che, a meno che non vengano apportate modifiche, il test è irrimediabilmente inadatto al lavoro richiesto. 
In questo caso il test è incaricato di identificare le persone con il virus ma, come mostrerò, non è in grado di farlo.

A causa dell'alto tasso di falsi positivi e della bassa prevalenza, quasi tutti i test, i cosiddetti "casi" identificati da maggio di quest'anno, sono FALSI POSITIVI. 
Non solo una piccola percentuale. Non un quarto o nemmeno la metà dei positivi sono FALSI, ma circa il 90% di essi. 
In parole povere, il numero di persone di cui ci parla cupamente il signor Hancock è una sovrastima di circa dieci volte. 
All'inizio dell'estate, erano sovrastimate di circa 20 volte.

Lascia che ti guidi, anche se se sei in grado di leggere prima il pezzo scritto molto chiaramente dal Prof Carl Heneghan , ho fiducia che riuscirò a spiegarti questa drammatica conclusione. 
(Ecco un link al record del numero di test, che combina ospedali e comunità)

Immagina 10.000 persone che vengono testate usando quei tamponi che vedi in TV. 
Abbiamo una buona stima della prevalenza generale del virus dall'ONS (ufficio nazionale di statistica), che è completamente indipendente (dai test del secondo pilastro) e sta testando solo poche persone al giorno, circa l'uno per cento dei numeri testati di recente nel secondo pilastro. 
È ragionevole presumere che la maggior parte delle volte coloro che vengono testati non abbiano sintomi. Alle persone è stato chiesto di cercare un test solo se hanno sintomi. 
Tuttavia sappiamo dai notiziari televisivi e dalle storie sui social media del personale addetto al campionamento sotto la severa guida del ministro della Salute, il fatto sorprendente che in numerose località del paese il consiglio locale sta volantinando nelle case delle persone, strada per strada, per andare a fare i test.

La linea di fondo è che è ragionevole aspettarsi che la prevalenza del virus sia vicina al numero trovato dall' ONS, perché campionano in modo casuale raccogliendo persone sintomatiche e asintomatiche in proporzione alla loro presenza nella comunità. 
Secondo il più recente sondaggio ONS, in prima approssimazione, il virus è stato trovato in 1 persona su 1000. Questo può anche essere scritto come 0,1%. 
Quindi, quando tutte queste 10.000 persone vengono testate nel pilastro 2, ti aspetteresti di trovare 10 veri positivi (i falsi negativi possono essere un problema quando il virus è molto comune, ma in questo contesto di comunità, non è statisticamente importante e quindi ho scelto di ignorarlo, meglio concentrarsi solo sui falsi positivi).

Allora, qual è il tasso di falsi positivi dei test nel secondo pilastro? Per mesi questa è stata una preoccupazione. Sembra che non sia noto, anche se come ho già detto, va assolutamente conosciuto per capire se il test diagnostico ha qualche valore! 
Cosa sappiamo del tasso di falsi positivi? 
Ebbene, sappiamo che gli stessi scienziati del governo ne erano molto preoccupati e un rapporto su questo problema è stato inviato al SAGE (comitato scientifico) in data 3 giugno 2020
Cito: "Se non comprendiamo il tasso di falsi positivi operativi del sistema di test RT-PCR del Regno Unito, rischiamo di sovrastimare l'incidenza di COVID-19, le richieste di tracciamento e l'entità dell'infezione asintomatica”. 
In quello stesso rapporto, gli autori hanno giustamente elencato il tasso di falsi positivi dal più basso al più alto di dozzine di test utilizzando la stessa tecnologia. 
Il valore più basso per il tasso di falsi positivi è stato dello 0,8%.

Consentitemi di spiegare l'impatto di un tasso di falsi positivi dello 0,8% sul pilastro 2. 
Torniamo alle nostre 10.000 persone che si sono offerte volontarie per fare il test e le 10 attese con il virus (prevalenza dello 0,1% o 1: 1000) sono state identificate dal test PCR. 
Ma ora dobbiamo calcolare quanti falsi positivi li accompagneranno. 
La risposta scioccante è 80. 
80 è lo 0,8% di 10.000. Questo è il numero di falsi positivi che ottieni ogni volta che utilizzi un test di secondo pilastro su un gruppo di quelle dimensioni.

Quando 10.000 persone sono state testate nel secondo pilastro, l'effetto potrebbe essere riassunto in un titolo come questo: 
"90 nuovi casi sono stati identificati oggi" (10 casi positivi reali e 80 falsi positivi). 
Ma sappiamo che questo è completamente sbagliato. 
Il povero tecnico neanche lo sa, ma in questo esempio c'erano solo 10 casi reali e 80 non avevano nemmeno un pezzo di RNA virale nel loro campione. 
Sono davvero falsi positivi.

Spiegherò quanto sia grave questo in un altro modo, tornando alla diagnostica. 
Se ti fossi sottoposto a un test e fosse positivo, ti aspetteresti che il medico ti dicesse che hai una malattia, qualunque cosa stia testando. 
Di solito, però, si risponde a una domanda leggermente diversa: "Se il paziente è positivo a questo test, qual è la probabilità che abbia la malattia?". 
In genere, per un buon test diagnostico, il medico sarà in grado di dire qualcosa come "il 95%" e tu e loro potrete conviverci. 
Potresti fare un diverso test di conferma, se il risultato fosse molto grave, come il cancro. 
Ma nel nostro esempio del secondo pilastro, qual è la probabilità che una persona risultata positiva al secondo pilastro abbia effettivamente COVID-19? 
La risposta orribile è l'11% (10 diviso 80 + 10). 
Il test esagera il numero di casi covid-19 di quasi dieci volte (90 diviso 10). 
Sei ancora spaventato? Ti chiedi di quella immagine che ti mostrano quotidianamente, con i "casi" che si arrampicano sul lato destro? 
È orribilmente esagerata. E non è un errore, come ti dimostrerò.

All'inizio dell'estate, l'ONS ha mostrato che la prevalenza del virus era leggermente inferiore, 1 su 2000 o 0,05%. 
Non sembra una grande differenza, ma lo è. Ora il test del secondo pilastro troverà la metà dei casi reali dai nostri 10.000 volontari fittizi, quindi 5 casi reali. 
Ma il difetto nel test significa che troverà ancora 80 falsi positivi (0,8% di 10.000). 
Quindi è anche peggio. 
Il titolo sarebbe "85 nuovi casi identificati oggi". 
Ma ora la probabilità che una persona risultata positiva abbia il virus è assurdamente bassa al 6% (5 diviso 80 + 5).
All'inizio dell'estate, questo stesso test ha esagerato il numero di casi di COVID-19 di 17 volte (85 diviso 5). 
È così facile generare un'epidemia apparentemente grande in questo modo. 
Basta semplicemente ignorare il problema dei falsi positivi. 
Fai finta che sia zero. Ma non è mai zero.

Questo test è fatalmente difettoso e DEVE essere immediatamente ritirato e mai più utilizzato in questa impostazione, a meno che non venga dimostrato che è stato sistemato. 
Gli esempi che ho fornito sono molto vicini a ciò che leggi sui giornali accadere effettivamente ogni giorno.

[NON UN ERRORE MA UNA DELIBERATA VOLONTÀ POLITICA]

Sono obbligato a chiedere: il signor Hancock sapeva di questo difetto fatale? 
Sapeva dell'effetto che avrebbe avuto inevitabilmente, e sta ancora avendo, non solo sul carico di casi segnalati, ma anche sullo stato di ansia della nazione? 
Mi piacerebbe credere che sia tutto un errore innocente. 
Se lo fosse stato, però, avrebbe dovuto dimettersi per pura incompetenza. 
Ma lo è incompetente? 
Sappiamo che scienziati interni hanno scritto al SAGE: questo breve ma scioccante documento di avvertimento è stato portato all'attenzione del Segretario alla sanità? 
Se questa fosse l'unica prova, potresti essere propenso a concedergli il beneficio del dubbio. 
Ma le prove diventano più schiaccianti.

Recentemente ho pubblicato con i miei coautori un breve Position Paper. 
Non credo che a quel punto, un mese fa o giù di lì, avessi completamente compreso e realizzato la situazione. 
E sono uno scienziato esperto di ricerca biomedica, abituato a gestire set di dati e probabilità complesse.

L'11 settembre 2020 sono stato ospite del talkRADIO di Julia Hartley-Brewer. 
Tra le altre cose, ho invitato il signor Hancock a rilasciare le evidenze che sostengano la sua previsione e la pianificazione per la "seconda ondata". 
Queste prove scientifiche non sono state ancora mostrate al pubblico da nessuno. 
Ho anche chiesto che rivelasse il tasso di falsi positivi operativi nei test di secondo pilastro.

Il 16 settembre sono tornato allo show di Julia e questa volta mi sono concentrato sul problema del tasso di falsi positivi (1m 45s - 2min 30s). 
Avevo letto l'analisi di Carl Heneghan che mostrava che anche se il tasso di falsi positivi fosse pari allo 0,1%, 8 volte inferiore a qualsiasi test simile, produrrebbe comunque la maggioranza dei falsi positivi. Quindi, la mia critica non cade se il tasso effettivo di falsi positivi è inferiore al mio 0,8% ipotizzato.

Il 18 settembre, il signor Hancock è apparso di nuovo, come spesso fa, nello show di Julia Hartley-Brewer. 
Julia gli ha chiesto direttamente (1 minuto e 50 anni in poi) qual è il tasso di falsi positivi nel secondo pilastro. Il signor Hancock ha detto che "è inferiore all'1%". 
Julia gli chiese di nuovo esattamente cosa fosse, e lui lo sapeva? 
Non ha risposto, ma poi ha detto "significa che, per tutti i casi positivi, la probabilità che uno sia un falso positivo è molto piccola".

Questa è un'affermazione seriamente fuorviante in quanto errata. 
La probabilità che un caso apparentemente positivo sia un falso positivo è compresa tra l'89 e il 94%, o la quasi totalità. 
Da notare, anche quando l'ONS registrava la prevalenza più bassa in assoluto, il tasso positivo nei test di secondo pilastro non è mai sceso sotto lo 0,8%.

Ma è andata anche peggio per il Segretario alla Salute. 
Il 17 settembre, credo, il signor Hancock ha risposto a una domanda di Sir Desmond Swayne sui falsi positivi. È chiaro che Sir Desmond sta chiedendo del secondo pilastro.

Il signor Hancock ha risposto: “Mi piace molto il mio onorevole amico e vorrei che fosse vero. Il motivo per cui effettuiamo test di sorveglianza, eseguiti dall' ONS, è per garantire costantemente un campione rappresentativo a livello nazionale che mostri il tasso di casi. L'ultimo sondaggio ONS, pubblicato venerdì, mostra un aumento consumato (sic) insieme all'aumento del numero di test che sono tornati positivi ".

Non ha risposto alla domanda di Sir Desmond, ma ha risposto invece a una domanda di sua scelta. 
Il ministro della Sanità ha consapevolmente fuorviato la Camera? 
Riferendosi solo all' ONS e senza nemmeno menzionare il tasso di falsi positivi del test nel secondo pilastro, stava, per così dire, rubando l'abito al lavoro più accurato dell' ONS, che ha un tasso di falsi positivi inferiore, al fine di contrabbandare attraverso il nascosto e molto più alto tasso di falsi positivi nel pilastro 2. 
Il lettore dovrà decidere da solo su questa vicenda.

I test del secondo pilastro sono in corso da maggio, ma solo nelle ultime settimane sono stati raggiunti diverse centinaia di migliaia di test al giorno. 
L'effetto dell'aumento di giorno in giorno del numero di persone che vengono descritte come "casi" non può essere esagerato. 
So che sta inducendo paura, ansia e preoccupazione per la possibilità di restrizioni nuove e ingiustificate, compresi i lockdown. 
Non ho idea di quali siano le motivazioni dell'onorevole Hancock. 
Ma sta continuando a utilizzare i numeri enormemente gonfiati di un test fatalmente difettoso, e appare spesso sui media affermando gravemente la necessità di ulteriori interventi (nessuno dei quali, ripeto, si è dimostrato efficace).

Avrai molta familiarità con il grafico dei casi mostrato sulla maggior parte delle trasmissioni TV al momento. 
Si propone di mostrare il numero di casi che sono aumentati e poi sono diminuiti in primavera e il recente aumento dei casi. 
Questo grafico è sempre accompagnato dal titolo che “nelle ultime 24 ore sono state rilevate tantissime migliaia di nuovi casi”.

Dovresti sapere che ci sono due principali inganni, in quell'immagine, che combinati molto probabilmente inducono in errore e inducono ansia. 
La sua ubiquità indica che si tratta di una scelta deliberata.

In primo luogo, è molto fuorviante in relazione al picco primaverile dei casi. 
Questo perché a quel tempo non avevamo capacità di screening della comunità. 
Un collega ha modificato il grafico per mostrare il numero di casi che avremmo rilevato, se fosse disponibile un test efficace sulla comunità. 
L'effetto è che aumentano notevolmente i picchi dei casi primaverili, perché ci sono moltissimi casi per ogni ricovero e molti ricoveri per ogni decesso.

In secondo luogo, come spero di avervi dimostrato e convinto, i casi in estate e quelli attuali generati da test di secondo pilastro gravemente difettosi, dovrebbero essere corretti verso il basso di circa dieci volte.

dati falsi covid

Credo che i casi autentici stiano aumentando un po'. 
Tuttavia, questo vale anche per l'influenza, che non misuriamo quotidianamente né riportiamo su tutti i notiziari. Se lo facessimo, vi rendereste conto nel tempo che è molto probabile che l'influenza rappresenti un rischio maggiore per la salute pubblica rispetto al COVID-19. 
Il grafico dei casi corretti (sopra), credo, colloca i recenti aumenti dell'incidenza di COVID-19 in un contesto molto più ragionevole. 
Ho pensato che avresti dovuto vedere questa differenza, prima di arrivare al tuo verdetto su questa triste storia.

Ci sono conseguenze molto gravi derivanti dalla grottesca sovrastima dei cosiddetti casi nei test di comunità del secondo pilastro, una sovrastima che credo sia stata messa in atto consapevolmente. 

Forse il signor Hancock crede alla sua stessa narrazione sul livello di rischio che ora il pubblico deve affrontare? Non sta a me dedurlo. 
Ciò che questa enorme sovrastima ha fatto è aver rallentato la normalizzazione del sistema sanitario. 
Siamo tutti consapevoli che l'accesso ai servizi medici è, in varia misura, limitato. 
Molte specialità sono state notevolmente ridotte in primavera e, dopo un certo recupero, alcune sono ancora tra un terzo e la metà al di sotto delle loro normali capacità. 
Ciò ha portato sia a continui ritardi che alla crescita delle liste di attesa per numerose operazioni e trattamenti. 
Non sono qualificato per valutare i danni alla salute della nazione e degli individui come diretta conseguenza di questa lunga attesa per una seconda ondata. 
Entrare in inverno con questa configurazione, oltre all'accesso già limitato per i sei mesi scorsi, porterà inevitabilmente ad un gran numero di morti non-Covid evitabili.
Questa è già un'accusa abbastanza seria. 
Meno evidenti ma nel complesso importanti, gli impatti aggiuntivi che derivano dalla paura del virus, a mio avviso accresciuta in modo inappropriato, che includono: danni o addirittura distruzione di un gran numero di imprese, in particolare piccole imprese, con conseguente perdita di mezzi di sussistenza, perdita di opportunità educative, tensioni sui rapporti familiari, disturbi alimentari, aumento dell'alcolismo e degli abusi domestici e persino suicidi, per citarne solo alcuni. 

In conclusione, desidero sottolineare che solo negli ultimi 40 anni il Regno Unito ha avuto sette epidemie / pandemie ufficiali; AIDS, influenza suina, CJD, SARS, MERS, influenza aviaria e influenza stagionale annuale. 
Tutti erano molto preoccupanti, ma le scuole sono rimaste aperte e il sistema sanitario nazionale ha curato tutti e la maggior parte della popolazione non è stata colpita. 
Il paese sarebbe stato raramente aperto se fosse stato chiuso ogni volta.

Ho spiegato come un test diagnostico dalle prestazioni ridicole senza speranza, sia stato e continui ad essere utilizzato non per la diagnosi di malattie ma, a quanto pare, solo per creare paura.

Questo abuso di potere deve cessare. 
Tutti i costi di cui sopra vanno messi nella contabilità quando si valutano i rischi di Covid-19 per la società e le azioni appropriate da intraprendere, se del caso. 
Qualunque altra cosa accada, il test utilizzato nel secondo pilastro deve essere immediatamente ritirato in quanto non fornisce informazioni utili. 
In assenza di un numero di casi enormemente gonfiato derivante da questo test, la pandemia sarebbe stata vista e percepita praticamente terminata.

Dr Mike Yeadon 
Former CSO and VP, Allergy and Respiratory Research Head with Pfizer Global R&D and co-Founder of Ziarco Pharma Ltd.

Traduzione: Mauro Sartorio



Hai il desiderio di aiutare qualcuno in difficoltà con la propria salute?
Sei un incontenibile entusiasta delle 5 Leggi Biologiche?
Abbiamo creato degli strumenti formativi d'eccezione che potranno esserti molto utili, clicca qui.
Se invece hai bisogno di un aiuto rapido e professionale, chiedi ora un incontro individuale.

Direzione
Mauro Sartorio Eleonora Meloni 5 Leggi Biologiche Hamer Paolo Sanna
contatti