## Ultimissime ##
Un attimo...
,

Inutilità del lockdown e falsificazione della teoria del contagio.

[L'articolo è lungo: preferisci ascoltare piuttosto che leggere? Ascolta il video-podcast (durata 22 minuti) e iscriviti al canale YouTube]


 
Come si verifica l'efficacia di qualcosa con il metodo scientifico in medicina? 
Il "gold standard" in questo ambito sono i famosi studi randomizzati e controllati, che mettono a confronto due o più gruppi di individui che siano sottoposti a qualche trattamento.
Dalle differenze delle reazioni del gruppo sperimentale e di quello di controllo, si estraggono conclusioni sulla efficacia.

Per fare un esempio che capiscano tutti: prendo due gruppi di 10 persone con il raffreddore; ad un gruppo do una aspirina (gruppo sperimentale) e all'altro do uno zuccherino (gruppo di controllo); se il primo gruppo ridurrà i sintomi più marcatamente del secondo, significa che l'aspirina è più efficace dello zucchero a curare il raffreddore.
La medicina di oggi si basa né più né meno che su questo schema, mentre lo sforzo investito nella comprensione dei motivi, delle cause che provocano questi risultati, è piuttosto marginale. 
Per questo l'odierna medicina è costruita sulle statistiche, ha moltissime ipotesi ma pochissime risposte ai "perché" di ciò che tratta.

Ora stiamo affrontando questo fenomeno sociale chiamato Covid-19.
Vorremmo sapere quali interventi sono più efficaci per arginare i danni di una pandemia.
Nessuno lo sa, perchè nessuno si è mai trovato di fronte ad una tale situazione.
La teoria più accreditata su cui si fondano le attuali decisioni di politici e comitati tecnici è la teoria del contagio, il quale sarebbe causato dalla circolazione di un virus.
Non si hanno molti mezzi, e nell'emergenza si è provato lo strumento che intuitivamente dovrebbe funzionare: l'isolamento delle persone con la quarantena.

La condizione ideale (ma surreale) per sapere se la quarantena è un trattamento efficace a contenere i contagi di una pandemia mondiale da Sars Cov2, sarebbe di organizzare uno studio controllato su due pianeti come la Terra, così da metterne uno in quarantena e uno senza restrizioni, e alla fine dell'esperimento verificare gli effetti sulla popolazione.
Ovviamente ciò è surreale e impossibile.

Allora, per conoscerne gli eventuali benefici, dovremmo cavarcela con le informazioni di cui disponiamo, all'interno di questo esperimento globale senza precedenti.
In effetti questo esperimento globale, a cui certo nessuno desiderava partecipare, è una occasione irripetibile per raccogliere osservazioni importantissime.

L'ESPERIMENTO GLOBALE COVID

Come gruppo di controllo in questo esperimento globale chiamato Covid-19, molti prendono a riferimento la Svezia perchè è tra le poche nazioni a non avere imposto misure draconiane di quarantena.
C'è chi si rifiuta di considerare gli svedesi una popolazione confrontabile perchè "i territori sono diversi" e "la densità demografica non ha niente a che vedere con la nostra"... in realtà l'area di Stoccolma, dove si concentra la maggioranza degli svedesi, è del tutto paragonabile a quella della Lombardia, area maggiormente colpita in Italia.
Inoltre è pur vero che ogni nazione ha raccolto i dati con criteri diversi, difficilmente confrontabili, tuttavia questi dati sono ciò di cui disponiamo, e sono estremamente significativi in assenza di un pianeta vergine su cui sperimentare. 
Ma soprattutto, come vedremo, stanno portando in risalto informazioni macroscopiche che, io credo, non è possibile scartare a priori.

SVEZIA
Nonostante la campagna diffamatoria dei media italiani verso la Svezia (tanto che ne è nato un caso diplomatico) sappiamo molto bene che il gruppo di controllo del nostro studio non ha imposto alcun lockdown ma ha promosso da metà marzo regole comportamentali che non hanno chiuso né le scuole (fino a 16 anni) né alcuna attività economica, infatti negozi e ristoranti sono sempre rimasti aperti.
Il governo centrale ha invece raccomandato distanze minime, di lavarsi le mani con regolarità, di rinunciare ai viaggi "non necessari" e di lavorare, se possibile, a casa.
Sono stati vietati gli assembramenti di oltre 50 persone (da agosto innalzati a 500), e non c'è mai stato obbligo di mascherina, ritenuta rischiosa per il falso senso di sicurezza che dà
Maggiore accortezza è stata riposta agli anziani, perchè la strategia risiede nella protezione dei vulnerabili (soprattutto in seguito agli errori compiuti nelle RSA durante la prima ondata. Infatti più della metà dei decessi è avvenuta lì) mentre si è lasciato libero il resto della popolazione a basso rischio.

Insomma in Svezia la vita è cambiata ma non è stata imposta alcuna cura draconiana distruttiva. 
Inoltre la strategia è rimasta stabile e costante nel tempo, subendo poche modifiche sostanziali.
Il video della dott.ssa D'Orazio, che vive a Stoccolma da 10 anni, racconta nel dettaglio e dall'interno la situazione.
Vediamo quindi come e se si correlano queste misure e la curva dei contagi.

Dati Covid Svezia

Questa grafica è approssimativa e non ha nessuna velleità statistica, ma vuole comunicare un significato: le blande misure sociali adottate non hanno inciso con nessuna correlazione sull'ipotetica diffusione del virus, che invece segue una sua curva indipendente.

Forse un lockdown severo avrebbe potuto contenere la curva? 
Poteva al contrario essere peggio, se non avessero adottato certe misure benché relativamente blande?
Nessuno può dirlo, perchè per valutare l'efficacia del trattamento "quarantena" dobbiamo almeno mettere a confronto una popolazione che abbia adottato tale "cura" in modo severo e persistente.

Popolazioni che hanno adottato misure di isolamento ne abbiamo numerose da scegliere, specialmente le vicine scandinave, che con misure più severe hanno un rapporto di contagi più basso.

Svezia: 14.500~ casi per milione
Danimarca: 10.000~ casi per milione
Norvegia: 4.500~ casi per milione
Fonte: Worldometer

Allora potremmo dire che il lockdown è un intervento di sanità pubblica efficace perchè, per esempio, Norvegia e Danimarca hanno fatto molto meglio della Svezia.
Ma se è vero che la variabile lockdown è stata così importante (nonostante ci siano state grandi differenze nell'applicazione), questo risultato dovrà essere riproducibile, anche in minima misura, ovunque si sia imposto un severo isolamento delle persone.

Italia: 16.000~ casi per milione
UK: 17.500~ casi per milione
Francia: 27.000~ casi per milione
Spagna: 30.000~ casi per milione

Invece no, l'efficacia del lockdown non è apparentemente replicabile, neanche parzialmente, in questi altri paesi.
C'è però un problema: nessuno di questi ha applicato senza interruzioni la variabile che stiamo studiando.
Fortunatamente (si fa per dire) abbiamo un paese stoico: l'Argentina, o meglio l'area metropolitana di Buenos Aires.

È così che, se Stoccolma rappresenta un gruppo di controllo, Buenos Aires rappresenta un gruppo sperimentale.

ARGENTINA
Infatti la popolazione di Buenos Aires è in una rigida quarantena no-stop da 8 mesi.
Il 19 marzo, l'Argentina è entrata in lockdown a livello nazionale. 
Il governo ha poi annunciato una serie di proroghe il 31 marzo, a metà aprile e successivamente il 25 aprile, quando il presidente argentino Alberto Fernández ha annunciato che il blocco si sarebbe prolungato nelle principali città fino al 10 maggio. 
Il 10 maggio il blocco è stato formalmente tolto, lasciando però la decisione ad ogni governatore locale, ad eccezione della zona urbana di Buenos Aires.

Foto di Francesca Capelli
Da lì in poi Buenos Aires, la cui area metropolitana comprende un terzo della popolazione e ha visto l'80% di tutti i contagi, è rimasta illimitatamente chiusa fino a oggi.
La libera circolazione tra le diverse città è impedita.
Le province hanno emesso ordinanze locali, in una intricata confusione di regole, alcune meno altre molto rigide.

Da 8 mesi a questa parte solo i lavoratori ritenuti essenziali possono andare a lavorare, ovvero chi si occupa dell'alimentare, della salute, ecc. 
A tutti gli altri è vietato uscire di casa.
Chiunque abbia un qualsiasi sintomo così come i familiari di un positivo, sono considerati a priori positivi, anche senza test. 
I test vengono fatti a persone asintomatiche come lasciapassare per andare al lavoro. 

Le scuole, ad una settimana dall'inizio dell'anno scolastico, sono state chiuse dal 16 marzo e poi dimenticate. Fanno didattica a distanza con fortissimi divari di accessibilità tra classi sociali.
I cittadini vivono nella paura, così come gli stessi medici, le mascherine sono obbligatorie ovunque.

Se la teoria del contagio è vera e l'isolamento delle persone è efficace al contenimento, dalla severissima disciplina dell'Argentina dobbiamo aspettarci un grafico dei contagi prossimo allo zero e una curva abbastanza piatta.



Guarda bene questo grafico.
Se la "cura" lockdown portasse un qualsiasi freno o beneficio alla curva dei contagi, questa crescita lineare del grafico non sarebbe possibile e, soprattutto, ci sarebbe uno scarto evidentissimo rispetto alla Svezia, che ha applicato interventi diametralmente opposti.

Forse stai pensando: "non è che senza lockdown il numero assoluto di quella crescita sarebbe dieci volte tanto??".
No, non potrebbe essere peggio di così perchè, su 45 milioni di abitanti, alla data di metà ottobre hanno rilevato la bellezza di 1 milione di positivi (quinto paese al mondo per numero assoluto, e hanno fatto 5 volte meno tamponi degli altri paesi) con un tasso di positività dei test del 50%: nessuno al mondo ha un tasso di positività al Covid così alto!
I casi per milione di abitanti sono il doppio della Svezia. (28.000)

Quindi, dal punto di vista del contagio, non hanno avuto alcun beneficio dalle misure draconiane, tutt'altro, pare proprio il contrario. 
Inoltre in compenso cosa hanno ottenuto?
Una condizione economica e sociale disastrosa: una recessione economica gravissima, con un'inflazione che viaggia attorno al 50% annuo e un'instabilità sociale diffusa
L'educazione è sospesa, i bambini saranno mandati all'anno scolastico successivo senza avere imparato nulla.
I centri delle città sono chiusi, le attività fallite, il Paese è in rovina.
Una marea di posti di lavoro persi, molte aziende stanno lasciando il Paese. 
La quasi metà della popolazione è sotto la soglia di povertà.

Proprio in questi giorni, mentre concludo la stesura di questo articolo, il presidente Fernández ha decretato la fine del lockdown.
Anche i nostri media generalisti si sono accorti dell'elefante in salotto.

Argentina, finisce il lockdown più lungo del mondo: pochi risultati e popolazione alla fame
Fonte: Mediaset


Svezia e Argentina sono due estremi di un modello di intervento, nel mezzo abbiamo una moltitudine di altre situazioni molto variegate.
Benché imperfetta, non avremmo potuto eseguire una tale cinica sperimentazione nemmeno volendolo: solo il regime sanitario e la psicosi collettiva hanno potuto.

Ora, nonostante le approssimazioni, i risultati di questo confronto sono molto, troppo lontani dal poter confermare le ipotesi, cioè che il distanziamento fisico delle persone sia uno strumento efficace a contenere i contagi.

E aggiungo una notizia recente, che ha solo il valore di aneddoto, ma il significato è tragicomico:

Pescara, sei suore di clausura positive al coronavirus
Fonte: TgCom

Pensi che una intera popolazione possa isolarsi meglio di una suora di clausura?
Di quale strategia pseudo-scientifica stiamo parlando?

Allora i casi sono due:
1- i dati statistici che stiamo raccogliendo, cioè la famosa curva dei contagi, in realtà non rappresentano affatto l'andamento del contagio di un virus tra persone a contatto.
2- la teoria del contagio è falsificata.

LA MIA PERSONALE OPINIONE

Io credo che siano entrambe le cose.

1- Perchè già sappiamo che il test PCR, detto tampone, non nasce come test di screening, non dovrebbe essere usato come tale e non offre risultati di valore scientifico. 
In effetti pare rilevare qualsiasi cosa, ma non il Sars Cov2.
Vedi: 

2- E poi perchè, nella nostra esplicita visione della salute, il concetto di contagio non ha niente a che vedere con una particella maligna che si sposta tra gli individui.
E mi sembra che l'esperimento globale Covid ce lo stia mostrando platealmente.

LA DOMANDA SOSPESA

Certo mi resta sospesa quella domanda cruciale: assodato che i grafici del PCR non rappresentano il contagio di un virus, perchè allora vedono aumentare il rapporto di positività in certi periodi? 
Infatti attenzione: la retorica mediatica parla per numeri assoluti, ma abbiamo osservato variare il rapporto tra numero di test eseguiti e positivi in modo considerevole nelle diverse stagioni.
Allora cosa rileva effettivamente il PCR?
Se fosse solo una questione di falsi positivi, questi sarebbero sparsi in modo omogeneo nel tempo e la curva sarebbe piuttosto piatta.
Forse invece stiamo osservando una curva naturale, che se avessimo analizzato ogni anno, ne avremmo notato lo stesso andamento? 
Ad oggi non possiamo saperlo, perché nessuno ha mai eseguito screening di massa con questo strumento.

Se quindi i grafici dei contagi si muovono con una correlazione nulla rispetto al grado di isolamento delle persone, le variabili sottese devono essere altre e confondenti.
Certamente i dati statistici ne inglobano una miriade, più o meno occulte: il tipo di test usato; il numero assoluto di test effettuati; le categorie di persone sottoposte (per esempio nella prima ondata sono stati sottoposti solo i casi gravi, in altri periodi solo gli asintomatici ecc.); la diversa implementazione locale dei protocolli, con differenze sia a livello nazionale che regionale (per esempio alcuni protocolli eseguivano numerosi test alla stessa persona); così come anche i parametri tecnici applicati dai diversi laboratori (per esempio diverse soglie di amplificazione della PCR).
Queste sono senz'altro variabili che incidono significativamente sui grafici, probabilmente più dello stesso lockdown, e li rendono difficilmente comparabili tra stati e regioni.

Ma forse, e io lo credo, ci sono altre variabili ancora più occulte.

NUOVE IPOTESI PERSONALI

Avanzo delle ipotesi, ovviamente di carattere deduttivo, prendile con le molle:
Poiché conosciamo la funzione degli esosomi (se non sai cosa sono studia questo nostro articolo) e il fatto che la PCR rileva particolari porzioni molecolari di RNA: 

- se la PCR, quando è abusata come strumento di screening, rilevasse un aumento statistico di esosomi proporzionale al livello di stress cellulare?
Nella fattispecie del Covid, questo aumento potrebbe forse essere correlato all'inasprimento delle restrizioni sociali, come a Buenos Aires, e alla psicosi sovra-alimentata dai media? 
L'aumento di materiale genetico extra-cellulare sarebbe essenziale nella frenetica comunicazione intercellulare richiesta dai programmi biologici speciali.
La PCR usata come screening si configurerebbe allora come un indicatore di stress sociale.

Altra ipotesi, forse più ardita: 
- se, con screening annuali, scoprissimo che queste curve sono naturali e spontanee in certi periodi dell'anno... la stagione calda potrebbe forse rappresentare una Fase Attiva collettiva nel ciclo annuale, mentre la stagione fredda una PCL di riposo, cioè una condizione simile al letargo, durante la quale le cellule umane rilasciano una maggiore quantità di esosomi?

Queste ipotesi, per quanto non suffragate da prove e campate per aria, mi sembrano qualche ordine di grandezza più plausibili e coerenti con i dati reali - di popolazioni stremate dai lockdown con grafici di PCR alle stelle - rispetto all'ipotesi del virus che si sposta fra contatti, contraddetta da correlazioni inverse tra luoghi in segregazione assoluta e luoghi senza restrizioni.

COME VOLEVASI DIMOSTRARE: LA "SECONDA ONDATA"

Ora, siamo a metà novembre 2020 e siamo di nuovo in un cataclisma di panico generalizzato, di cui gli organi di informazione sono i principali responsabili con la complicità delle istituzioni, in una escalation di chiusure, segregazioni, minacce, militarizzazioni che stanno spingendo le persone ad accalcarsi negli ospedali in un circolo vizioso senza freni, il quale non fa che confermare e corroborare la narrazione del virus letale.
Ma non è un virus che sta facendo tutto questo: è la spirale di una psicosi collettiva che più si agita e più stringe la camicia di forza di un regime sempre più autoritario.

Questa estate pensavamo che sarebbe successo, e così è stato: 
La 'seconda ondata' di Covid19 provocata dalla strategia del terrore mediatica


Ricorda: la scienza medica lo sa bene, a differenza di chi fa giochi di potere, che il lockdown di
un'intera comunità non è e non può essere una strategia sanitaria ma, come dice John Ioannidis, è "l'opzione termo-nucleare", distruttiva, che ha ragione d'essere solo nella disperazione di chi non sa come gestire le cose, perchè gli effetti collaterali sono devastanti oltre ogni nocività di un presunto coronavirus.

Allora, chi asseconda il terrorismo mediatico, chi accetta e divulga questa paura artificiale, contribuisce a fomentare il panico nella popolazione, contribuisce a mettere in crisi medici e infermieri, a mettere in ginocchio il sistema sanitario e diventa responsabile di quelle reazioni a catena che provocano uno tsunami senza precedenti di ospedalizzazioni e morti per cause iatrogene.

Se ciononostante qualcuno preferirà continuare a sposare la retorica del contagio e della quarantena come strumento di sanità pubblica, devo comunque ringraziarlo, perchè questo disastro sta facendo emergere le contraddizioni di teorie che non hanno mai avuto fondamento, e si sta così aprendo la strada ad un nuovo paradigma biomedico.



Hai il desiderio di aiutare qualcuno in difficoltà con la propria salute?
Sei un incontenibile entusiasta delle 5 Leggi Biologiche?
Abbiamo creato degli strumenti formativi d'eccezione che potranno esserti molto utili, clicca qui.
Se invece hai bisogno di un aiuto rapido e professionale, chiedi ora un incontro individuale.

Direzione
Mauro Sartorio Eleonora Meloni 5 Leggi Biologiche Hamer Paolo Sanna
contatti