## Ultimissime ##
Un attimo...
, , , ,

Colesterolo: un 'vaccino' che modifica i geni con obiettivi poco chiari.

Avrete forse sentito parlare in questi giorni di quella puntura definitiva per il colesterolo, sulla carta un vaccino che avrebbe l'intenzione di prevenire le "malattie" cardiovascolari:

Colesterolo, una sola iniezione lo elimina per tutta la vita
"Il nostro obiettivo è quello di sviluppare un farmaco che permetta di abbassare il colesterolo 'cattivo' con una sola somministrazione in tutta la vita".
Fonte: Libero

Come spesso accade, si tratta di un annuncio mediatico azzardato che genera aspettative iperboliche ("cura rivoluzionaria") e di fatto infondate, per almeno 3 motivi:

1) lo studio citato dell'Università Federico II di Napoli è eseguito su cavie, e per questo non ha alcun valore clinico: qualsiasi allusione all'uso umano è prematura. Vedi punto 3 della nostra guida.
2) la correlazione tra concentrazione di colesterolo nel sangue ed eventi cardiovascolari è dubbia: si tratterebbe quindi di uno strumento che potrebbe avere un'utilità nulla nei confronti della salute.
3) se da una parte un farmaco efficace potrebbe essere utile in quei casi particolari in cui è richiesto di contenere eccessi sintomatici notevoli, in realtà la notizia veicola tutt'altra idea: il colesterolo sarebbe da "eradicare" a prescindere e per sempre, all'insegna di quella concezione più moralistica che scientifica - che conosciamo fin troppo bene - di guerra al "cattivo".
Infatti l'obiettivo annunciato è una modifica artificiale tramite ingegneria genetica, affinché l'organismo sia indotto alla "produzione di una proteina capace di rimuovere il colesterolo LDL che circola nel sangue".

Nonostante negli investimenti, nelle pubblicazioni scientifiche e in generale nella narrativa biomedica le aspettative intorno alla terapia genica siano oggi dominanti, questo tipo di ricerca ha probabilità di successo molto basse (fonte: JAMA).
Con un piede saldo nel modello delle 5 Leggi Biologiche ci sorge spontaneo un suggerimento: prima di lanciarsi dentro il cofano per truccare la macchina, auspichiamo almeno di avere una idea di massima sul suo funzionamento.

Peraltro le "superstizioni scientifiche" intorno al colesterolo nell'ultimo secolo hanno già fatto danni importanti:
L'apologia del colesterolo di una scienza volubile



Direzione editoriale

Mauro Sartorio Eleonora Meloni Paolo Sanna

contatti